Riflessioni per lo Spirito Beppe Robiati
© Beppe Robiati   Design & Webmaster: Claudio Malvezzi
Author & ©: Beppe Robiati   Design & Webmaster: Claudio Malvezzi
Author & ©: Beppe Robiati   Design & Webmaster: Claudio Malvezzi
Articoli on-line
Riflessioni per lo Spirito
Articoli in PDF
                                     RIFLESSIONI PER LO SPIRITO                         La consultazione come strumento per sviluppare il capitale umano E’ importante che alla base delle attivita’ dell’uomo ci sia la “spiritualità“ intesa come “amore in azione“. Per aiutare la comprensione di questa azione possono essere di ausilio passi scritti da grandi pensatori e Messaggeri di Dio . 1.-) S'ingiunge a ciascuno di voi di dedicarsi a una forma di occupazione, come mestieri, commerci e simili. Ci siamo degnati d'innalzare il vostro impiego nel lavoro al rango dell'adorazione a Dio, l'Unico Vero. Riflettete in cuor vostro sulla grazia e sui doni di Dio e ringraziateLo all'alba e all'imbrunire. Non sciupate il tempo nell'ozio e nell'indolenza, ma occupatevi di ciò che possa recare profitto a voi e agli altri. Così è stato decretato in questa Tavola dal cui orizzonte l'astro della saggezza e della parola risplende luminoso. (Tavole di Bahá'u'lláh) 2.-) Quanto sono grandi, o Signore, le tue opere. I tuoi pensamenti sono grandemente profondi. L’uomo stolto non li conosce, e il pazzo non li intende. Gli empi germogliano come l’erba, e tutti gli operatori di iniquita’ fioriscono. Ma il giusto fiorira’ come la palma e crescera’ come il cedro nel Libano. ( Salmi XCII ) 3.-) Ti chiederanno che cosa dovrai dar via dei loro beni. Rispondi: “Quel che date via delle vostre sostanze sia per i genitori, i parenti, gli orfani, i poveri, i viandanti, tutto cio’ che farete di bene, Dio lo sapra’. ( Corano II-215 ) 4.-) Io sono il padre di questo mondo, la madre, colui che lo sostiene e il suo supremo signore; sono l'oggetto del conoscere, di ogni conoscitore possibile, il mezzo della purificazione, Io sono la meta, il sostegno, il signore, il testimone, la dimora, il rifugio, l'amico, io sono il principio dell'essere e della dissoluzione, la base, il punto di quiete ed il seme che non può perire. ( Bhagavad Gita 17-18 ) 5.-) Agli occhi di Dio, il più spregevole fra gli uomini è colui che sta pigramente seduto e mendica. Aggrappatevi alla corda dei mezzi materiali, con piena fiducia in Dio, di tutti i mezzi Provvidente. Quando l'uomo si dedica a un mestiere o a un commercio, al cospetto di Dio questa sua occupazione è in sé considerata un atto di preghiera; e ciò altro non è che un pegno del Suo onnicomprensivo, infinito favore. ( Tavole di Bahá'u'lláh)