Lezioni alla facoltà di Economia dell’ Università di Bari

Oggi,18/3 /09, sono cominciate le lezioni alla facoltà di Economia dell’ Università di Bari, con l’esposizione di Giuseppe Robiati sul tema: “Economia per un nuovo ordine mondiale” 
Erano presenti 120 studenti circa.
Come al solito, Beppe, ha iniziato accennando a Baha’u’llah,  straordinario personaggio dell’ottocento, antesignano tra l’altro, anche dell’etica nell’economia; successivamente nella sua esposizione, è stato semplice, incisivo e coinvolgente..
Per circa 2 ore ha catturato l’attenzione degli studenti su temi concernenti  la visione del futuro ordine mondiale, spiegando i motivi delle crisi attuali dell’ambiente, del lavoro, della sanità,  delle finanza  e dell’economia mondiale.
Dopo aver parlato del programma di ricostruzione delle nazioni occidentali distrutte dalla seconda guerra mondiale, ha accennato ai motivi che hanno condotto le nazioni del terzo mondo a contrarre un pesante debito nei confronti delle istituzioni mondiali, come Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale.
Quindi ha concluso che per passare dall’Ordine attuale delle nazioni a quello della Unità Mondiale, bisogna acquisire una nuova risorsa: quella della “conoscenza”.
Questa risorsa ci porterà a comprendere che il motivo fondamentale per la soluzione dei nostri problemi sarà  l’unità e la condivisione dei seguenti principi:
1) esiste un solo Dio; 2) esiste una sola specie umana ; 3)esiste una sola etica mondiale.
La conferenza  termina con la soddisfazione degli studenti manifestata con un caldo applauso.
Un caro saluto
Mario Morano

One thought on “Lezioni alla facoltà di Economia dell’ Università di Bari

  1. Claudio Post author

    Buongiono, complimenti per la lezione interessante sostenuta oggi a Bari.
    Trovo la sua lezione piena di emozioni, senza possibilità di annoiarsi!
    Dovrebbero essere tutte così… ritornare a studiare dopo anni ,
    a 300 km da casa poi… non è facilissimo.
    Spero di riascoltarla presto.
    Buona giornata Roberta D…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *