Presentazione della Fede bahá’í Beppe Robiati Un solo Dio Un solo Dio
© Beppe Robiati   Design & Webmaster: Claudio Malvezzi
© Beppe Robiati   Design & Webmaster: Claudio Malvezzi
Author & ©: Beppe Robiati   Design & Webmaster: Claudio Malvezzi
  P-P & Video
LA FEDE MONDIALE BAHÁ'Í
Ordine Mondiale Bahá Ordine Mondiale Bahá Oceano d’amore (P-P) Oceano d’amore (P-P) Oceano d’amore (Vid.) Oceano d’amore (Vid.) Radici storiche Fede Radici storiche Fede
 Link consigliati
Luoghi Sacri & Templi Luoghi Sacri & Templi Luoghi Sacri ad Haifa Luoghi Sacri ad Haifa Principi Bahá’í Principi Bahá’í

Baha’u’llah : “ il prigioniero di Akka “

In   sintesi   e’   la   storia   della   vita   di   un   “eroe”-   Solitamente   siamo   usi   a   utilizzare   il   termine   eroe   per descrivere   un   personaggio   di   guerra,   un   eroe   di   conquista   e   di   potere   ,   ma   in   questo   contesto   il   termine “   eroe   “   è   usato   per   raccontare   la   storia   di   un   personaggio   mite   ,   di   un   eroe   della   mansuetudine   e dell’umiltà,   di   una   figura   d’amore,   di   un   tale   amore   da   arricchire   i   cuori   e   le   menti   di   coloro   che   ne leggono   la   storia-   Baha’u’llah   il   titolo   con   cui   questo   eroe   è   oggi   noto   nel   mondo,   vive   la   sua   vita nell’ottocento,   anzi   la   sua   vita   riempie   la   storia   di   tutta   la   seconda   metà   del   milleottocento.   Centinaia   di libri   pubblicati   in   tutte   le   lingue   del   mondo   ne   raccontano   le   gesta-   Egli   fa   parte   di   quel   numero   esiguo   di “eroi   “   che   nella   storia   sono   stati   chiamati   maestri   spirituali   e   seguiti   da   milioni   di   persone-   Maestri   che senza   eserciti,   senza   denaro,   senza   potere   hanno   conquistato,   con   la   loro   parola   ,   milioni   di   persone   e hanno   cambiato   i   destini   di   popoli   e   intere   nazioni   .   Eroi   di   amore,   che   per   amore   delle   persone   hanno dato   la   vita.   Baha’u’llah   per   la   sua   visione,   i   suoi   scritti,   i   suoi   principi   ,   le   sue   indicazioni   sulla   vita dell’uomo,   i   suoi   indirizzi   sullo   sviluppo   dell’umanità   e   sul   suo   futuro   ,   le   sue   precisazioni   sui   quei   temi che   da   millenni   interessano   l’uomo   nel   suo   rapporto   e   nella   sua   ricerca   di   Dio,   le   sue   poesie   e   le   sue tavole   sui   temi   dell’amore   e   dell’unità   ,   fu   perseguitato,   bandito   dalla   terra   natia   ,   tenuto   prigioniero   nel massimo   dell’isolamento,   torturato,   incatenato   privato   del   minimo   per   la   propria   sopravvivenza,   e   proprio in   questa   condizione   egli   fu   in   grado   di   scrivere   testi,   libri,   tavole,   in   totale   oltre   20.000   opere,   che   sono divenuti   parte   fondamentale   dei   principi   della   fondazione   delle   nazioni   unite,   dei   decaloghi   dei   diritti dell’uomo,   delle   enciclopedie   sull’educazione   spirituale   ,   dei   libri   di   testo   dell’economia   mondiale,   di quegli   scritti   che   descrivono   il   viandante   alla   ricerca   spirituale   del   suo Amato,   dei   testi   del   dialogo   tra   le religioni   e   inoltre   guida   e   ispirazione   per   tutti   quelli   che   operano   e   lavorano   per   un   mondo   unito   ed   in pace.   Portentose   sono   le   sue   lettere,   scritte   dall’interno   di   una   cella   di   isolamento   della   grande   prigione di Akka,   ai   grandi   e   potenti   :   re   ,   imperatori   e   governanti   del   suo   tempo.   Napoleone   terzo   imperatore   dei francesi   ,   la   regina   Vittoria   dell’   impero   britannico,   Pio   IX   capo   temporale   e   religioso   dello   stato   vaticano, Alessandro   zar   della   grande   russia,   Abdul   Aziz   sultano   del   piu   grande   impero   dell’epoca   –   l’impero ottomano   –   e   ultimo   ma   non   meno   importante   lo   scia   Nasridin   dell’impero   persiano-   Queste   lettere rappresentano   la   sua   visione   dello   sviluppo   e   la   richiesta   ai   grandi   della   terra   di   collaborare   a   creare l’unita   del   pianeta   in   un   periodo   dove   nemmeno   la   fantasia   del   più   perspicace   statista   avrebbe   potuto arrivare   .   Una   unita   nella   diversità   coniata   con   quelle   frasi   che   sono   divenute   il   simbolo   del   suo   pensiero :   “   la   terra   è   un   solo   paese   e   l’umanità   i   suoi   cittadini   “   “   siete   tutti   fiori   dello   stesso   giardino   “   “   siete   foglie dello   stesso   ramo   e   onde   del   medesimo   mare   “.   Nessuno   rispose   al   suo   appello   ,   anzi   le   persecuzioni contro   di   lui   aumentarono.   Ma   coloro   che   lo   incontrano   furono   conquistati   dalla   sua   visione,   e   oggi coloro   che   leggono   i   suoi   scritti,   dall’inchiostro   che   descrive   il   suo   pensiero,   vengono   affascinati   dal percorso   che   egli   suggerisce   per   avere   una   vita   degna   ,   pregna   di   servizio   e   di   amore   ,   quell’amore   che è   alla   base   dell’universo,   che   è   il   collante   che   può   permettere   agli   esseri   umani   di   pervenire   alla   felicità e   giungere   alla   meta   da   sempre   agognata   della   pace   e   dell’unità   mondiale-   Ma   il   magnete   che   attrae   le persone   è   il   percorso   individuale   che   egli   suggerisce   nella   ricerca   dell’Amato   ,   percorso   che   egli descrive    come    un    viaggio,    dove    il    viandante    attraverso    delle    valli    percorre    quelle    tappe    della consapevolezza   che   gli   permettono   di   riconoscere   e   giungere   alla   presenza   dell’   Antico   dei   giorni,   e superando   le   difficoltà   scoprire   il   vero   scopo   dell’esistenza.   Migliaia   sono   coloro   che   nei   suoi   giorni, giungendo   alla   sua   presenza   o   leggendo   i   suoi   scritti   si   sono   trasformati   nella   loro   consapevolezza   e milioni sono oggi coloro che hanno abbracciato il suo messaggio. Ho voluto con questo testo raccontare la storia di questo eroe. Una storia ancora poca conosciuta, una storia non molto lontana dai nostri giorni, una storia dove il profumo, la bellezza, la mitezza , il coraggio, le sofferenze, la visione, l’esempio del personaggio che ne è l’attore principale affascina il lettore e ne attrae come un magnete il cuore portandolo verso di lui , l’eroe che la storia ricorda come il prigioniero di Akka.  Giuseppe Robiati                                                                                                   continua...